Catanzaro

Trapianti insufficienti, i due centri calabresi rischiano la chiusura

Avvertimento dell'Istituto Superiore di Sanità

Trapianti insufficienti, i due centri calabresi rischiano la chiusura

Sempre meno speranze, per i dializzati, di risolvere il loro drammatico problema di salute in Calabria. Dove dai 28 trapianti di rene del 2013 si è scesi ai soli 18 del 2017. Una curva significativa quella che in un virtuale grafico sull’attività complessiva dei due centri trapianti di Cosenza (ospedale Annunziata) e di Reggio (ospedale Bianchi Melacrino Morelli) indica un desolante decremento.

Anzichè incrementare quella che è ormai la strategia elettiva nella cura del paziente nefropatico - il trapianto appunto - la Calabria sembra lasciarla languire. Il rischio, continuando così, è la chiusura dei due poli.

L'articolo completo nell'edizione in edicola della Gazzetta del Sud.

Clicca qui per acquistare la tua copia digitale

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi