Catanzaro

Falsa testimonianza, assolto il sindaco Abramo

Inchieste su multe: rinviato a giudizio sindaco Abramo

Il sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, è stato assolto con formula piena, perchè il fatto non sussiste, dall’accusa di falsa testimonianza e di aver reso false dichiarazioni al pubblico ministero nell’ambito del procedimento penale all’ex assessore comunale in carica fino al 2005, Caterina Laria. Lo rende noto lo stesso Abramo in un comunicato.

La Procura aveva chiesto nel 2012 il rinvio a giudizio per il primo cittadino catanzarese e per l’arcivescovo emerito Antonio Ciliberti, scomparso l’anno scorso e coinvolto nel medesimo procedimento: ad Abramo e Ciliberti era stato contestato di aver mentito al pm nella loro qualità di testimoni nel procedimento a carico della Laria, accusata di aver fatto pressioni per l’approvazione del progetto di una fondazione religiosa in cambio di utilità politiche ed elettorali.

Abramo, difeso dagli avvocati Enzo Ioppoli e Amedeo Bianco, aveva ottenuto il giudizio immediato - si legge in una nota dell’ufficio stampa del primo cittadino catanzarese - "per pervenire nel più breve tempo possibile ad una definizione positiva della vicenda: dalla prima udienza, fissata nell’aprile 2013, e dopo una lunga serie di rinvii, nel corso dell’ultimo dibattimento è stata scongiurata la contestazione a carico del sindaco e il giudice ha pronunciato sentenza di assoluzione perchè il fatto non sussiste".

Il sindaco Abramo ha così commentato la notizia della sua assoluzione: "Finalmente si è chiusa una vicenda giudiziaria rispetto alla quale ho sempre avuto fiducia nell’operato della magistratura affinchè si potesse spazzare via ogni dubbio sulla correttezza della mia persona".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Cosenza, la carica dei 10.000

Cosenza, la carica dei 10.000

di Vittorio Scarpelli