CATANZARO

Omicidio Rotella, 20 anni a "Lupin"

La donna è stata assassinata nella sua abitazione al culmine di una rapina

Omicidio Rotella, giudizio immediato per Procopio

Venti anni di reclusione. È stata confermata dalla Corte d’assise d’appello (presidente Gabriella Reillo, a latere Assunta Maiore, cancelliere Elisabetta Squillace) la condanna di Leonardo Procopio, 49 anni, alias “Lupin”, accusato della rapina e dell’omicidio della novantenne Antonia Rotella, più conosciuta come “zia Tota”, avvenuti nell’agosto del 2015 nell’abitazione della donna, in via Alessandro Turco. La sentenza è stata emessa ieri mattina dopo la richiesta del sostituto procuratore generale e l’arringa del legale della difesa, l’avvocato Raffaele Fioresta, il quale aveva chiesto di derubricare il reato da omicidio intenzionale con dolo eventuale a rapina con morte come conseguenza di altro delitto. Ma la Corte d’appello ha invece confermato la sentenza di primo grado riservandosi di depositare la motivazione entro novanta giorni. Conosciute le motivazioni della sentenza, non è escluso che la difesa possa presentare ricorso in Cassazione. Anche perchè, secondo la difesa, nel processo di primo grado, concluso nel luglio 2016,m si è solo calcolata la riduzione della pena per il rito abbreviato (che prevede in caso di condanna la riduzione di pena di un terzo) senza prendere in considerazione altri aspetti come, ad esempio, il fatto che Procopio ha collaborato con la giustizia sostenendo che non voleva uccidere la donna; quando è uscito dall’abitazione la signora Antonia sarebbe stata ancora viva e avrebbe voluto soltanto mettere a segno una rapina, senza far male ad alcuno.

Leggi qui il resto dell'articolo: http://edicoladigitale.gazzettadelsud.it/gazzettasud/includes/shop/

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Via libera al nuovo stadio

Via libera al nuovo stadio

di Domenico Marino