Op. Stige

Imponevano il pane alla festa di Capocolonna

La vicenda è uno spaccato della capacità della ’ndrina di inserirsi in ogni affare

Imponevano il pane alla festa di Capocolonna

Lavanderie, pompe funebri, distribuzione di prodotti vinicoli anche all’estero tramite l’azienda “Cav. Antonio Malena 1949 Srl”, rifiuti e prodotti da forno: nessuna attività economica sfuggiva ai “tentacoli” della cosca cirotana colpita dall’operazione “Stige”.

Salvatore Morrone, il presunto reggente della storica ‘ndrina Farao-Marincola, secondo gli investigatori dei Carabinieri e della Procura antimafia, tramite suo figlio Francesco, tra le altre cose, sarebbe anche riuscito ad imporre le forniture del suo pane ad alcuni venditori ambulanti crotonesi, in occasione della Festa di Capocolonna che tiene ogni anno a Crotone per la seconda domenica di maggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi