CROTONE

58enne muore per ferita, forse è omicidio

E' deceduto per un' emorragia

58 muore per ferita, forse è omicidio

Potrebbe trattarsi di un omicidio. Ma l'ipotesi che il 58enne arrivato stamattina sanguinante davanti alla sede del Sert di Crotone e poi deceduto per una copiosa emorragia, possa essere stato ferito mortalmente da qualcun altro, è solo una delle piste battute dagli investigatori della Squadra Mobile della Polizia di Stato di Crotone che stanno indagando sul misterioso episodio. Quello che è certo finora è che stamattina il 58enne Vincenzo Benincasa di Rocca di Neto, popoloso centro a una manciata di chilometri da Crotone, è arrivato barcollando e sanguinante in via Mario Nicoletta diretto probabilmente ai locali dove è ubicato il Servizio di assistenza per chi soffre di dipendenze. E' stata una delle Guardie giurate di servizio alla struttura dell'Asp, ad accorgersi che il 58enne perdeva copiosamente sangue dalla gamba sinistra. Il vigilantes ha avvertito il 118 che ha inviato un'ambulanza ed anche il 113 mentre i medici del Sert si sono precipitati a soccorrere il 58enne che spesso andava nella struttura a ritirare del metadone. Accompagnato in Ospedale l'uomo è poi deceduto a causa dell'emorragia, provocata da un taglio tra l'inguine e la gamba sinistra. Un taglio che potrebbe essere stato provocato da una coltellata, una lama o comunque un altro oggetto in grado di lacerare e bucare la pelle. Un oggetto che evidentemente ha reciso l'aorta femorale del 58enne. Sul posto sono accorsi appena avvisati, gli agenti delle Volanti, subito raggiunti dai colleghi della Squadra Mobile al comando del dirigente Nicola Lelario che hanno assunto la direzione delle indagini. Gli investigatori sono al lavoro per dare una spiegazione alla morte del 58enne che viveva da solo a Rocca di Neto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi