vibo valentia

Una storia processuale senza dissidi e senza contrasti

Una storia processuale senza dissidi e senza contrasti

Una storia processuale senza dissidi e senza contrasti, dove la tesi dell’accusa poggerebbe «su una sorta di “presunzione di permanenza” del vincolo associativo che, oltre a non avere fondamento normativo – sostengono i giudici nelle motivazioni della sentenza – non risulta nel caso di specie convalidata e supportata da un idoneo substrato probatorio, venendo anzi sonoramente smentita da diversi elementi raccolti» quali l’intercettazione di un dialogo tra Pantaleone Mancuso (Vetrinetta) e la sorella Romana «e la palese e totale assenza di contatti tra il capo storico Vetrinetta e gli altri capi più “giovani” del gruppo Scarpuni o Papaianni, oltre che tra i tre vertici della famiglia Vetrinetta, Antonio e Giovanni, insieme indicati come “organo centrale di controllo”».

Al tempo stesso i giudici del Tribunale di Vibo precisano che «non si intende, in questa sede, di certo smentire o negare il potere di intimidazione che il solo cognome “Mancuso” possiede sul territorio vibonese, essendo peraltro stata statuita anche giudizialmente l’esistenza e l’operatività della cosca facente riferimento alla predetta famiglia fino al 2003». Ma nel caso in esame «ciò che è emerso è che gli imputati si siano avvalsi di questa “rendita da capitale intimidatorio” (la spendita del cognome Mancuso ndr) per scopi e finalità anche illecite, ma riconducibili all’interesse del singolo e non del gruppo complessivamente considerato». E come contraltare della proiezione operativa esterna della famiglia per i giudici vi è la mancanza di «prova alcuna di elementi inerenti la sua stabile struttura interna: manca l’imposizione di regole stringenti e inderogabili, il rispetto della gerarchia criminale; manca un programma criminoso “condiviso” tra gli imputati, la ripartizione dei ruoli e dei compiti, anche solo un qualche metodo o momento dio condivisione degli obiettivi da perseguire e delle modalità con cui farlo, manca la diuturnitas dei rapporti intersoggettivi». E il fatto che alcuni degli imputati appartegnano alla stessa famiglia anagrafica «sebbene questo possa essere un indice dell’esistenza dell’associazione» non costituisce di per sè elemento sintomatico dell’appartenenza all’associazione. (m.c.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Violentata e segregata

Violentata e segregata

di Vinicio Leonetti