CROTONE

Uccise madre, ai domiciliari in struttura protetta

Gip convalida arresto. Informati servizi sociali per padre.

Federica visitata da una psichiatria

Resterà agli arresti domiciliari Federica Manica, la ragazza di 22 anni che giovedì scorso ha ucciso la madre, Giovanna Salerno, di 48 anni, gravemente malata, soffocandola con un sacchetto. Lo ha deciso il gip di Crotone nell'udienza di stamani nel corso della quale ha convalidato l'arresto della giovane per omicidio volontario. La giovane, portata inizialmente nel reparto di psichiatria dell'ospedale di Crotone è stata successivamente trasferita in una struttura protetta per ricevere un adeguato supporto psicologico. Intanto proseguono le indagini sulla vicenda. Ieri è stata eseguita l'autopsia sul cadavere di Giovanna Salerno, i cui primi risultati paiono al momento confermare l'esito degli accertamenti compiuti dai Carabinieri sulla scena del delitto e nelle ore successive. Il Comando provinciale dei carabinieri di Crotone, inoltre, ha inviato una segnalazione formale ai servizi sociali del Comune affinché si occupino del padre della ragazza, rimasto solo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi