Crotone

Botte ad anziani in casa famiglia, tre arresti

Botte ad anziani in casa famiglia, tre arresti

Foto d'archivio

Degenti picchiati ed umiliati, razioni di cibo insufficienti come quantità e qualità, vessazioni di natura psicologica: a mettere in atto tali comportamenti sarebbero stati tre dipendenti dell'associazione "Opus onlus" che gestisce la casa famiglia per anziani e disabili "San Francesco e Santa Maria", arrestati stamani dai finanzieri della Compagnia di Crotone in esecuzione di un'ordinanza del gip Michele Ciociola su richiesta del sostituto procuratore Ivan Barlafante. I tre, Angela Rizzo, di 52 anni, Antonio Ingarozza (20), entrambi in carcere, e Salvatore Ciavarella (53), ai domiciliari, sono accusati di maltrattamenti. Ciavarella anche di sequestro di persona. Tra l'altro svolgevano l'attività infermieristica pur non avendone titolo. La struttura è stata sottoposta a sequestro preventivo e affidata in giudiziale custodia ad un funzionario della locale Azienda Sanitaria. Le indagini sono partite dopo una denuncia e si sono avvalse delle immagini riprese da telecamere installate dai finanzieri.

Dalle indagini è emerso che i gestori della struttura non predisponevano nei confronti dei degenti un'assistenza medica ed infermieristica adeguata; inoltre avrebbero dato disposizione ai dipendenti affinché fossero somministrate razioni di cibo insufficienti sia dal punto di vista qualitativo che dal punto di vista quantitativo. In un caso è stato accertato che un dipendente aveva bloccato una porta per impedire ai degenti di scendere dal piano superiore al piano terra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi