CATANZARO

Sandro Principe torna libero

Tribunale libertà accoglie istanza di revoca dei domiciliari.

Voto scambio,  arrestati 5 politici

Sandro Principe

Torna libero Sandro Principe, del Pd, già sindaco di Rende, ex sottosegretario al Lavoro, più volte deputato, ex consigliere e assessore regionale ed ex capogruppo del Pd in Regione, agli arresti domiciliari dal marzo scorso nell'inchiesta "Sistema Rende" su presunti intrecci tra politici ed esponenti del clan Lanzino-Rua. Il Tribunale della libertà di Catanzaro, infatti, ha accolto l'istanza di revoca della misura. La Procura ha già chiuso le indagini ipotizzando nei confronti degli indagati i reati di concorso esterno in associazione mafiosa, voto di scambio e corruzione aggravata dal metodo mafioso. Oltre a Principe erano finiti ai domiciliari, e poi liberati, un altro ex sindaco di Rende, Umberto Bernaudo, gli ex assessori comunali Pietro Ruffolo e Giuseppe Gagliardi, tutti del Pd, e l'ex consigliere regionale Rosario Mirabelli. L'ordinanza era stata notificata in carcere agli elementi di spicco del clan, Adolfo D'Ambrosio, Michele Di Puppo, Francesco Patitucci e Umberto Di Puppo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi