SERIE B

Avellino-Crotone 0-0
un passo verso la A

I calabresi ottengono un punto dalla trasferta irpina e seppur scavalcati in testa dal Cagliari, mantengono un vantaggio consistente sul terzo posto.

I reduci da San Siro: «È un Crotone bellissimo»

Niente gol e nessuna emozione tra Avellino e Crotone che insieme ai seimila spettatori del "Partenio-Lombardi" all'inizio della partita hanno onorato con un minuto di silenzio le vittime degli attentati di Bruxelles. La divisione della posta in palio vale però molto di più per i rossoblu' calabresi, che restano in corsa per la promozione diretta in serie A insieme alla capolista Cagliari. I padroni di casa, guidati da Marcolin che in settimana è subentrato all'esonerato Tesser, restano infatti distanti dalla zona play off che pure, fino ad alcune settimane fa, sembrava alla loro portata. Il nuovo allenatore biancoverde ha schierato Castaldo unica punta e modificato in parte il ruolo di Insigne, meno trequartista che con Tesser e più utilizzato come quarto di centrocampo. Novità che se hanno consentito all'Avellino una migliore fase di filtro difensivo, poco e nulla hanno inciso in quella offensiva. Infatti in avanti il Crotone, sin qui a segno con 52 reti, in pratica non si è quasi mai visto anche se va detto che alla squadra guidata da Juric mancavano Budimir, Ricci e Martella. Per la cronaca, da segnale le uniche due conclusioni degne di nota, entrambe dell'Avellino: la conclusione a rete di Paghera (21' st) che dopo un batti e ribatt in in area finisce di pochissimo a lato e quella di Gavazzi (31' st) che ha calciato in corsa un tiro finito di poco alto sulla traversa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi