vibo valentia

Bancarotta fraudolenta, arresti della Finanza

Sei ordinanze di custodia cautelare sono state emesse nei confronti di altrettanti indagati per i reati di bancarotta fraudolenta e bancarotta documentale, scaturiti da un’indagine sul fallimento di una società di gestione di strutture turistico alberghiere

Bancarotta fraudolenta, arresti della Finanza

E’ in corso, tra Calabria ed Emilia Romagna, un’operazione del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Vibo Valentia che, in esecuzione di un’ordinanza del Gip del Tribunale di Vibo Valentia, sta eseguendo sei Ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti indagati per i reati di bancarotta fraudolenta e bancarotta documentale, scaturiti da un’indagine delegata dalla Procura di Vibo Valentia sul fallimento di una società operante nel settore della gestione di strutture turistico alberghiere nella Costa degli Dei. Nello stesso provvedimento il GIP ha disposto il sequestro di beni per un importo di oltre 3 milioni di euro a garanzia delle somme dovute all’erario dalla società fallita.

Il gip di Vibo Valentia Anna Rombolà ha disposto gli arresti domiciliari a carico di Nicola Comerci, 69 anni, originario di Gioia Tauro e residente a Parghelia, amminsitratore del Blue Paradise (noto villaggio turistico della Costa degli Dei); nei confronti della moglie Soccorso Morogallo, 65 anni, nata a Gioia Tauro e residente a Parghelia, legale rappresentante del villaggio turistico finito sotto seqeustro e dei figli Domenico Comerci e Andrea Comerci. Il gip ha invece rigettato la misura cutelare nei confronti dell'avvocato Fabio Comerci, anche lui figlio dell'imprenditore Nicola Comerci e di altri componenti della famiglia: Francesco Comerci e Antonietta Comerci.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi