Lamezia

"Stessi sistemi
per truffare lo Stato"

I vecchi clan Giampà e Torcasio pur essendo nemici usavano strategie simili. Secondo la Gdf, negli anni, le donne delle due cosche avrebbero truffato all'Inps 100 mila euro.

Stessi sistemi  per truffare lo Stato

I vecchi clan Giampà e Torcasio pur essendo nemici usavano gli stessi sistemi per truffare lo Stato. Giuseppina Giampà, sorella del boss Francesco "il Professore" aveva costretto un imprenditore agricolo lametino ad assumerla insieme alla cognata Carolina Cerra. La Giampà è moglie di Aldo Notarianni condannato per omicidio e associazione mafiosa. Nell'altra cosca, Vincenzo Torcasio, 36 anni, aveva fatto assumere una congiunta da un'azienda agricola. Nessuna di queste "braccianti" agricole ha mai lavorato, assicurano le Fiamme Gialle, ma hanno ugualmente incassato le indennità di disoccupazione e malattia dall'Inps. Secondo la guardia di finanza negli anni le donne dei clan avrebbero truffato all'Inps 100 mila euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi