Crotone

Fallimento Soakro 109 famiglie appese a un filo

Fallimento Soakro 109 famiglie appese a un filo

Sono tre i punti stabiliti nell’assemblea sindacale dei lavoratori Soakro che si è svolta ieri mattina presso la sede l’azienda. I lavoratori hanno innanzitutto manifestato la volontà di rimanere in assemblea sindacale in maniera permanente, hanno poi chiesto un incontro urgente con il giudice fallimentare per valutare la possibilità di creare una gestione provvisoria dell’azienda e infine hanno proposto un incontro urgente con il sindaco di Crotone, il presidente della Regione e con le single sindacali, per cercare di trovare un strada che guardi al futuro dei lavoratori ma anche all’urgenza di ripristinare la normalità di alcuni servizi fondamentali quali quelli gestiti fino ad oggi da Soakro.

La società che gestisce l’acqua, il sistema fognario e l’impianto di depurazione della città di Crotone e della quale si servono altri 19 comuni della provincia, è stata dichiarata fallita con una sentenza del Tribunale di Crotone nel tardo pomeriggio di lunedì. Dopo la notizia i centonove lavoratori, che non ricevono comunque lo stipendio da cinque mesi, d’accordo con le tre single sindacali con a capo la Cgil, hanno dichiarato lo stato d’agitazione permanente e hanno subito stabilito una serie di priorità. F

L'approfondimento nell'edizione in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi