Catanzaro

Asp, contestato un danno erariale da 7 milioni

Celebrato ieri alla Corte dei Conti il processo a carico dell’ex dg Mancuso e del dirigente Cosco. Sotto i riflettori le indennità di risultato per il personale. La difesa: sanato l’iter. A breve la sentenza

Asp, contestato un danno erariale da 7 milioni

La Procura regionale ipotizza un danno erariale da ben 7 milioni di euro, i due manager citati in giudizio ribattono sostenendo la piena legittimità del loro operato che avrebbe piuttosto evitato un aumento delle spese. Sotto i riflettori della Corte dei Conti sono finite le modalità di erogazione all’Asp, negli anni 2008 e 2009, delle indennità di risultato in favore del personale dipendente. In giudizio sono stati citati l’ex direttore generale dell’Azienda sanitaria Gerardo Mancuso e il direttore del dipartimento amministrativo Ferdinando Cosco, ritenuti responsabile del danno erariale individuato dal nucleo di Polizia tributaria della Guardia di Finanza di Catanzaro. I nomi dei due dirigenti sono stati segnalati al termine di una complessa attività investigativa: secondo gli inquirenti le somme sarebbero state erogate senza aver preventivamente verificato il raggiungimento degli obiettivi da parte del personale.

L'approfondimento nell'edizione in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi