Tropea

Trecate rimane in carcere, scarcerato il suocero

Resta in carcere Salvatore Trecate, 32 anni, il giovane fermato dai Carabinieri di Tropea il 30 dicembre scorso con l’accusa di detenzione illegale di arma clandestina e munizioni.

Trecate rimane in carcere, scarcerato il suocero

Rimesso invece in libertà, ma con obbligo di dimora nel comune di residenza, Francesco Medile, 60 anni, pure lui di Tropea e suocero del primo. Questa la decisione presa ieri dal gip del Tribunale di Vibo Valentia, Anna Rombolà, che ha convalidato entrambi gli arresti operati dai Carabinieri nel corso di due diverse perquisizioni (in un’auto e in casa) ma ha disposto misure diverse per i due fermati.

Ai due, genero e suocero, vengono contestati i reati di detenzione di detenzione illegale di arma clandestina e munizioni. Nel caso di specie, una pistola marca Colt calibro 45 perfettamente funzionante e ben custodita, più 100 munizioni calibro 45 rinvenute nell’abitazione di Trecate a Tropea, e 300 proiettili calibro 45 occultati sotto il sedile dell’auto in uso allo stesso Trecate.

L'approfondimento nell'edizione in edicola della Gazzetta del Sud

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi