Vibo Valentia

'Ndrangheta: confermato ergastolo a boss

I due omicidi, secondo l'accusa, rientravano in uno scontro armato senza tregua tra le due fazioni criminali che culminò con l'uccisione di Fioravante Abbruzzese e Eduardo Pepe

'Ndrangheta: ,confermato ergastolo a boss

La Corte di Cassazione ha confermato l'ergastolo per il boss delle preserre vibonesi Bruno Emanuele e la condanna a 14 anni di reclusione per l'ex boss di Cassano allo Ionio, ora collaboratore di giustizia, Antonino Forastefano. I due erano accusati degli omicidi di Nicola Abbruzzese, a capo dell'omonima cosca degli zingari della Sibaritide, e di Antonino Bevilacqua, detto "Popin", uccisi tra il 2003 e il 2004. Emanuele era assistito dagli avvocati Vincenzo Galeota e Giancarlo Pittelli, mentre Forastefano era difeso dall'avvocato Sante Foresta. I due omicidi, secondo l'accusa, rientravano in uno scontro armato senza tregua tra le due fazioni criminali che culminò con l'uccisione di Fioravante Abbruzzese e Eduardo Pepe il 3 ottobre del 2003 (per il quale nei confronti dei due più Andrea Martucci è stata fissata la data davanti al gup) e di Nicola Abbruzzese - reggente dell'omonimo clan degli Zingari -, avvenuta nel giugno precedente davanti ai figli, a pochi passi dalla caserma dell'Arma di Cassano, e di cui Forastefano si è sempre assunto la paternità. Nell'anno successivo c'é stata l'eliminazione di Bevilacqua ad opera sempre dei due imputati. (A.A.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi