Omicidio Scrugli

Vibo, tornano
liberi Battaglia,
Moscato e Fiorillo

La scarcerazione, per decorrenza dei termini, ordinata dal gip di Catanzaro che dispone nei confronti dei tre giovani il divieto di dimora nel Vibonese. Erano stati arrestati lo scorso aprile, a un mese dall’omicidio Scrugli, per detenzione di arma clandestina.

Vibo, tornano 
liberi Battaglia, 
Moscato e Fiorillo

Il gip ha dunque accolto l’istanza di scarcerazione dell’avv. Muzzopappa, ma al tempo stesso ha anche accolto, in buona parte, l’istanza del Pm il quale chiedeva che nei confronti di Battaglia, Moscato e Fiorillo le misure cautelari venissero sostituite con il divieto di dimora nella provincia di Vibo Valentia e in ogni caso nel comune di Vibo, con obbligo di firma presso la Pg. E al termine della valutazione dell’una e dell’altra istanza il gip ha ordinato l’immediata liberazione dei tre indagati disponendo però nei loro confronti la misura cautelare del divieto di dimora nel Vibonese, ma senza obbligo di firma alla Pg, in considerazione del fatto che, come peraltro richiesto dal Pm, permangono «sia i gravi indizi di colpevolezza così come indicati nell’ordinanza originaria, sia le esigenze cautelari che, attesa la gravità dei fatti – scrive il giudice – si reputa che non siano venute meno per il solo decorso del tempo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi