Un anno dopo

Omicidio Adele Bruno
il fidanzato Daniele
davanti al giudice

La ragazza uccisa e sfigurata nella notte di Halloween a Lamezia. L’assassino ha confessato e per ottenere uno sconto di pena forse chiederà il rito abbreviato.

Adele Bruno e Daniele Gatto

Adele Bruno e Daniele Gatto

Lunedì 15 l’udienza sul rinvio a giudizio, poi se sarà mandato a processo dovrà decidere se col rito abbreviato al Tribunale lametino o in Corte d’assise a Catanzaro.
Per Daniele Gatto il percorso giudiziario sta andando avanti. La sera del 30 ottobre di un anno fa uccise barbaramente la fidanzata Adele Bruno accanendosi sul cadavere. L’assassino ha confessato e adesso è accusato di omicidio volontario con diverse aggravanti. Ancora non si conosce la linea difensiva dei suoi avvocati Francesco Gambardella e Giulia Benincasa del foro lametino, ma trattandosi di un reo confesso probabilmente si sceglierà il rito abbreviato che permette lo sconto di un terzo della pena prevista. L’accusa rappresentata da Luigi Maffia, sostituto procuratore che da quella tragica notte si occupò del caso, si batterà per fare ottenere il massimo della pena al brutale assassino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi