'ndrangheta

Bossolo a pentito
in località protetta

Il pentito Luigi Bonaventura - già reggente della cosca Vrenna-Bonaventura di Crotone - ha denunciato stamani ai carabinieri di avere trovato nella cassetta delle lettere dell'abitazione in cui vive in una località protetta del centro-sud, un bossolo di pistola di un calibro di tipo militare usato anche dalla criminalità organizzata. Si sente abbandonato

Bossolo a pentito 
in località protetta

Il pentito di 'ndrangheta Luigi Bonaventura, ha denunciato stamani ai carabinieri di avere trovato nella cassetta delle lettere dell'abitazione in cui vive in una località protetta del centro-sud, un bossolo di pistola di un calibro di tipo militare usato anche dalla criminalità organizzata. Bonaventura, che è stato reggente della cosca Vrenna - Bonaventura di Crotone, ha iniziato a collaborare con la Dda di Catanzaro nel febbraio 2007 e, tra l'altro, è stato sentito anche come persona informata sui fatti dalla Dda di Reggio Calabria che indaga sulla Lega Nord. Da alcuni mesi Luigi Bonaventura sta sostenendo di sentirsi abbandonato dallo Stato. In particolare ha denunciato di essere scampato, mesi fa, ad un attentato nella località protetta in cui si trova reso possibile, a suo dire, "dalla mala organizzazione che regna nelle nostre istituzioni". (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi