Vibo Valentia

Omicidio Zupo
Muro di omertà
ostacola indagini

Ucciso a mezzogiorno davanti casa ma nessuno ha visto e sentito nulla.

Omicidio Zupo
Muro di omertà
ostacola indagini
S’indaga in più direzioni, ma secondo quanto ipotizzano gli inquirenti, l’omicidio di Antonino Zupo, 31 anni, avvenuto sabato intorno a mezzogiorno a Fago Savini di Gerocarne (nelle pre Serre vibonesi) davanti alla propria abitazione sarebbe da collegare al traffico di sostanze stupefacenti. In questi giorni i carabinieri stanno interrogando familiari e amici della vittima, ma per il momento si trovano a sbattere contro un muro di omertà. Gli investigatori, tuttavia, sono convinti che Antonino Zupo ricoprisse un ruolo di primo piano all’interno dell’organizzazione capeggiata dai fratelli Bruno e Gaetano Emanuele, attualmente in carcere. Inoltre, lo stesso era stato arrestato nel gennaio dello scorso anno nell’ambito dell’operazione Ghost, insieme a tante altre persone operanti nel traffico della cocaina. L’ipotesi prevalente è che l’omicidio sia da collegare allo scontro tra organizzazioni criminali per il controllo del traffico degli stupefacenti.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi