catanzaro

Parco "Romani",
Abramo "Sono estraneo"

Si è detto estraneo alle accuse, il presidente della camera di commercio di Catanzaro, Paolo Abramo, sentito in Procura nell'ambito dell'inchiesta sul parco commerciale 'Romani'. Nell'inchiesta sono indagate dieci persone accusate di tentata truffa e tentata percezione di fondi pubblici

parco romani

Si è detto estraneo alle accuse, il presidente della camera di commercio di Catanzaro, Paolo Abramo, sentito in Procura nell'ambito dell'inchiesta sul parco commerciale 'Romani'. Nell'inchiesta, condotta dai sostituti procuratori Carlo Villani e Alberto Cianfarini, sono indagate dieci persone accusate di tentata truffa e tentata percezione di fondi pubblici. Nelle indagini sono coinvolti anche i presidenti di Confindustria della Calabria e di Catanzaro, Giuseppe Speziali e Giuseppe Gatto, nella loro qualità di imprenditori Abramo, assistito dall'avvocato Nicola Cantafora, nel corso dell'interrogatorio durato tre ore, ha sostenuto di non aver mai convocato e presieduto il tavolo di concertazione sulla realizzazione dell'Ente fiera nel parco commerciale 'Romani'. Rispondendo alle domande dei pubblici ministeri, inoltre, il Presidente della Camera di Commercio avrebbe sostenuto anche di non aver mai avanzato nessuna proposta circa l'utilizzo di Parco Romani e dell'Ente fiera. L'inchiesta della Procura di Catanzaro riguarda la permuta fatta dalla società Argento, di cui era socio Gaetano Romani, con il Comune che acquisì due immobili di proprietà degli imprenditori Giuseppe Gatto e Giuseppe Speziali. La permuta doveva servire a compensare un debito di oltre tre milioni di euro che Romani doveva al Comune.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi