FALLIMENTO FC CATANZARO

Contratti fittizi
Gdf sente funzionario
della Lega Pro

E' stato sentito negli uffici della Lega Pro dopo che i finanzieri hanno sequestrato i contratti relativi ai tredici calciatori che sono indagati per i reati di tentata truffa e formazione di credito simulato. Ai finanzieri il funzionario ha illustrato le modalità con le quali sono stati valutati e ratificati i contratti

lega pro

Un funzionario della Lega Pro è stato sentito in qualità di testimone dai militari della Guardia di finanza nell'inchiesta su presunti contratti fittizi di tredici calciatori della società fallita dell'Fc Catanzaro. Il funzionario è stato sentito negli uffici della Lega Pro dopo che i finanzieri hanno sequestrato i contratti relativi ai tredici calciatori che sono indagati per i reati di tentata truffa e formazione di credito simulato. Ai finanzieri il funzionario ha illustrato le modalità con le quali sono stati valutati e ratificati i contratti. La decisione di acquisire la testimonianza di un funzionario della Lega è stata presa dal sostituto procuratore Domenico Guarascio che dirige le indagini dei finanzieri. Gli inquirenti, infatti, stanno cercando di comprendere le valutazioni sulla congruità dei contratti, e stanno ora vagliando tutto il materiale prelevato negli uffici della Lega. Le indagini della Guardia di finanza hanno avuto inizio dopo la denuncia presentata dall'attuale società calcistica di Catanzaro e domani pomeriggio è in programma una conferenza stampa dell'attuale presidente del Catanzaro, Cosentino. La Procura ha individuato quali parti offese proprio la società e la Lega Pro. La società Fc Catanzaro è fallita negli anni scorsi e la Procura del capoluogo calabrese ha chiesto il rinvio a giudizio per 4 persone. La vicenda dei contratti fittizi è relativa alla stagione calcistica 2009-2010 quando, secondo l'accusa, l'Fc Catanzaro era già in una situazione tale da fare presagire il fallimento della società.(ANSA)

Si conoscerà lunedì la decisione del collegio arbitrale della Lega Pro sull'istanza del legale dell'attuale società di calcio del Catanzaro, l'avv. Sabrina Rondinelli, che ha chiesto di sospendere il procedimento promosso da tredici calciatori dell'Fc Catanzaro i quali chiedono il pagamento della differenza retributiva che non hanno ottenuto a causa del fallimento della società. Nel corso dell'udienza, svoltasi a Firenze, l'avvocato Rondinelli ha chiesto ai componenti del collegio arbitrale di sospendere il giudizio a causa dell'inchiesta della Procura di Catanzaro che ha portato al sequestro dei contratti dei tredici calciatori i quali sono indagati per tentata truffa e formazione di credito simulato. "Stamane - ha detto l'Avv. Rondinelli - ho appreso anche di un comunicato con il quale la Lega chiedeva al collegio arbitrale di astenersi dal giudicare per via del procedimento penale avviato dalla Procura di Catanzaro. L'inchiesta dei magistrati catanzaresi, infatti, vede per la prima volta una società di calcio che decide di denunciare i giocatori. Ora ci aspettiamo che il collegio arbitrale accolga la nostra istanza perché con i contratti sequestrati non riusciamo a poter affrontare in pieno il problema".(ANSA)

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi