Comune Vibo

L’incursione mette a
nudo numerose falle

Palazzo “Luigi Razza” come un porto di mare: si entra nell’orario di chiusura, si sottraggono documenti, si bruciano e tranquillamente si esce. Le telecamere funzionano? Chi si è introdotto conosceva luoghi e orari, un’inchiesta è stata disposta?

comune vibo

Al di là del danno prodotto, quel che è accaduto apre il campo a una serie di interrogativi e di considerazioni. In altre parole palazzo “Luigi Razza”, sede del Municipio di una città capoluogo, è in pratica un porto di mare. Si può entrare e uscire senza tanti problemi; si può entrare nell’Ufficio di un assessore – in questo caso quello all’Ambiente – si possono sottrarre voluminosi fascicoli, si possono portare giù dalle scale o addirittura gettarli dall’alto, senza che nessuno si accorga di niente e, infine, si possono bruciare. Si può fare sparire qualche “carta” (non è da escludere infatti che chi si è preso la briga di portare giù i fascicoli, prima di bruciarli, abbia prelevato qualche documento) e poi tranquillamente si può aprire una porta (secondaria) e andare via, come se nulla fosse accaduto. È soprattutto, si può fare tutto questo in un orario in cui il Comunedovrebbe essere chiuso. Beh, un pò troppo. E per avviare un’indagine, interna ed esterna, i motivi ci sono proprio tutti. Sta di fatto, comunque, che la velocità con cui il “servizio” è stato condotto lascia supporre che chi (o quanti) l’ha fatto sapesse bene non solo come muoversi, ma anche dove mettere le mani e conoscesse perfettamente gli orari, visto che pochi minuti dopo nell’ufficio sono arrivati l’assessore e poi la segretaria. Ed è stata proprio quest’ultima ad accorgersi che i fascicoli erano scomparsi. Viene pertanto logico chiedersi: a fare l’incursione nell’Ufficio dell’assessore Comito potrebbe essere stato un dipendente? Insomma i dubbi da chiarire sono tanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi