Lamezia

Strage ciclisti
rinviato l'appello

Il difensore dell'imputato ha aderito alla protesta degli avvocati di Lamezia Terme contro la chiusura del tribunale ed si è astenuto dall'udienza. Per questo motivo il processo d'appello nei confronti di El Ketani è stato rinviato al 9 luglio prossimo. Nella strage morirono otto ciclisti amatoriali che furono investiti dall'automobile guidata dal giovane marocchino

lamezia ciclisti

I funerali allo stadio di Lamezia

Falsa partenza per il processo d'appello nei confronti di Chafik El Ketani, il marocchino di 21 anni condannato ad otto anni di reclusione per la strage dei ciclisti avvenuta il 5 dicembre del 2010. Stamane il difensore dell'imputato ha aderito alla protesta degli avvocati di Lamezia Terme contro la chiusura del tribunale ed si è astenuto dall'udienza. Per questo motivo il processo d'appello nei confronti di El Ketani è stato rinviato al 9 luglio prossimo. La sentenza di primo grado è stata emessa il 28 ottobre del 2011 dal giudice per le udienze preliminari, Carlo Fontanazza, davanti al quale si è svolto il processo con rito abbreviato. Nella strage morirono otto ciclisti amatoriali che furono investiti dall'automobile guidata dal giovane marocchino. L'imputato è accusato di omicidio colposo plurimo aggravato. Nell'incidente morirono Rosario Perri, di 55 anni; Francesco Stranges (51); Vinicio Puppin (47); Giovanni Cannizzaro (58); Pasquale De Luca (35), Fortunato Bernardi (58) e Domenico Palazzo (46). Nell'ospedale di Cosenza, a distanza di due mesi, morì Domenico Strangis, di 48 anni.(ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi