Catanzaro

La Fiera sarà a Germaneto

D'ora in poi sarà esclusivamente il Comune a dialogare con il Ministero dello Sviluppo Economico. L'unica possibilità concreta di tenere in piedi il finanziamento di cinque milioni di euro è portare avanti celermente il progetto, già esistente, che preveda la realizzazione dell'Ente Fiera su una vasta area già individuata nella vallata del Corace e per la quale è già stata avviata la procedura di esproprio

catanzaro

Il Comune di Catanzaro torna all'unica indicazione, sancita da delibere di consiglio comunale, che indicano la realizzazione dell'Ente Fiera nell'area di Germaneto. D'ora in poi, inoltre, sarà esclusivamente il Comune a dialogare con il Ministero dello Sviluppo Economico. A questa conclusione è giunto il sindaco Sergio Abramo a conclusione di un incontro con l'on. Aurelio Misiti che sta seguendo a Roma l'iter di finanziamento dell'opera. All'incontro ha partecipato anche l'assessore regionale, nonché capogruppo del Pdl in consiglio comunale, Domenico Tallini. "E' stato - è scritto in una nota - lo stesso Misiti a concordare questo percorso con il primo cittadino, preso atto dell'indisponibilità del Ministero dello Sviluppo Economico a dialogare con un soggetto - la Catanzaro Servizi - non ritenuto giuridicamente di natura pubblica, sulla base di una proposta (l'acquisto di Parco Romani) diversa da quella originariamente comunicata e non coerente con gli obiettivi del finanziamento. L'unica possibilità concreta di tenere in piedi il finanziamento di cinque milioni di euro è portare avanti celermente il progetto, già esistente, che preveda la realizzazione dell'Ente Fiera su una vasta area già individuata nella vallata del Corace e per la quale è già stata avviata la procedura di esproprio. Il fatto che il proprietario abbia impugnato l'esproprio, contestandone la congruità, non ferma l'iter né impedisce al Comune di procedere all'appalto dell'importante infrastruttura". "Questa nuova posizione del Comune - prosegue la nota - sarà formalmente trasmessa al Ministero e comunicata direttamente al ministro Passera nel corso di un incontro che sarà sollecitato nei prossimi giorni dall'on. Misiti. Viene, dunque, definitivamente abbandonata l'ipotesi Parco Romani che, per la verità, non è mai stata ufficialmente condivisa dal Comune con l'adozione di atti formali, ma che è stata portata avanti unilateralmente dalla Catanzaro Servizi sulla base di generiche indicazioni impartite dai vertici dell'Amministrazione o da loro delegati, prive di efficacia proprio perché senza copertura finanziaria, senza la certezza del finanziamento e senza legittimazioni deliberative". "La realizzazione dell'Ente Fiera - è stato sottolineato - é una partita diversa da quella dell'acquisto di Parco Romani da parte della Catanzaro Servizi, operazione quest'ultima che è al vaglio della magistratura, ma anche degli uffici comunali che ne stanno valutando la legittimità per evitare che ne possa scaturire un danno per l'Ente. Quanto alle problematiche dell'intero Parco Romani, il sindaco Abramo ha ribadito che è intenzione del Comune favorire con ogni possibile iniziativa l'apertura dell'importante complesso edilizio, sia attraverso una semplificazione delle autorizzazioni sia attraverso forme di sostegno al suo completamento in modo da dare certezze ai tanti operatori economici che hanno creduto nel progetto". (ANSA).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi