VALLE DEL CORACE

Si rafforza
l’asse dei comuni

Si va verso la costituzione di un consorzio per la governance dell’area e lo sviluppo di attività produttive

Si rafforza 
l’asse dei comuni

Anche se sarà difficile utilizzare inizialmente i finanziamenti previsti dal Piano per le Città varato dal Governo (che necessita di progetti immediatamente cantierabili) i Comuni che insistono sulla Valle del Corace proseguono nel loro cammino di coesione e rafforzano l’asse già delineato in precedenti riunioni. L’idea che prende corpo è quella della costituzione di un consorzio o altra forma associativa che veda partecipare non solo i Comuni, ma anche le associazioni degli industriali, del commercio, dell’artigianato, e altri soggetti pubblici e privati che sono interessati alla cresciuta dell’Area direzionale di Catanzaro.

E’ questo il risultato della nuova riunione svoltasi nella sede di Confindustria, con la partecipazione dei sindaci o loro delegati, nel corso della quale si è preso atto che per l’elaborazione di una progettazione pianificata dell’area vasta di Catanzaro non si potrà contare, almeno per il momento, sulle risorse previste dal Piano per le Città.

Tale obiettivo – ha spiegato il sindaco di Catanzaro Sergio Abramo, convinto sostenitore della necessità di una governance unitaria della Valle del Corace e dell’area vasta – potremo realizzarlo ugualmente, intanto definendo la struttura e la forma associativa del consorzio, poi chiedendo alla Regione Calabria di sostenerci nella fase progettuale. L’idea che è venuta prepotentemente fuori è quella di utilizzare l’area vasta per iniziative produttive che diano prospettive occupazionali per i giovani. IL dialogo tra ni Comuni dell’area, le associazioni, gli ordini professionali e le forze produttive prosegue”.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi