Catania

Tentata aggressione a medico, chiedeva il rispetto dei turni

E' successo all'ospedale Vittorio Emanuele di Catania. Una donna e due ragazze hanno preso di mira una dottoressa.

Calabria, concorso per 300 infermieri?

Hanno tentato di aggredirla a colpi di spranga, solo perché lei aveva chiesto il rispetto dei turni, e solo grazie all'intervento della Polizia non è finita male. E' quanto avvenuto al pronto soccorso dell'ospedale Vittorio Emanuele di Catania, con protagonisti una dottoressa una donna e due ragazze minorenni, una delle quali aveva una ferita da una forchetta in una mano. L'aggressione è scattata quando il medico, di fronte all'insistenza dei pazienti, ha chiesto che venissero rispettati i turni. La donna che ha tentato di colpirla è stata denunciata mentre la dottoressa ha 3 giorni di prognosi per stato d'ansia. Sull'episodio è intervenuta con una nota la segreteria regionale dell'Anaao Assomed, che esprime "solidarietà alla collega".

"Assistiamo - afferma il segretario regionale Antonio Palermo - all'ennesimo episodio di violenza al Pronto Soccorso del Vittorio Emanuele di Catania. Non intendiamo restare spettatori inermi nei confronti delle continue e ripetute aggressioni al personale sanitario, chiamato a svolgere il proprio lavoro". "Responsabilità strutturali, mancata vigilanza, carenza di organico, mancanza di rispetto nei confronti degli operatori sanitari: poco importano le motivazioni. È inconcepibile che un professionista vada a lavorare e debba rischiare la sua incolumità. Bisogna dire basta". "Chiediamo - conclude - l'intervento del prefetto e del sindaco ed un incontro urgente per definire gli interventi necessari per la tutela della salute del personale che esercita nei Pronto Soccorso".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi