Catania

Operazione Giano bifronte, no alla revoca degli arresti per gli indagati

L'operazione, della Dia di Catania, portò all'arresto del presidente del Consiglio di amministrazione dell'Istituto medico psico-pedagogico Lucia Mangano di Sant'Agata li Battiati.

Forti tensioni in Tribunale

Il presidente dei Gip di Catania Nunzio Sarpietro ha respinto la richiesta di revoca della misura cautelare o la concessione di un'altra misura cautelare meno afflittiva presentata dai legali di Gaetano Consiglio, di 39 anni, e Giuseppe Cardì, di 57. Erano ai domiciliari dal 10 luglio scorso nell'ambito dell'operazione denominata "Giano bifronte" della Dia di Catania che portò all'arresto di Corrado Labisi, 65 anni, promotore di due premi antimafia e già presidente del Consiglio di amministrazione dell'Istituto medico psico-pedagogico Lucia Mangano di Sant'Agata li Battiati, nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Catania su un presunto 'buco' da 10 milioni di euro nella gestione della struttura. Insieme a Corrado Labisi, per associazione per delinquere e appropriazione indebita erano stati arrestati la moglie, Maria Gallo, di 60 anni, e la figlia, Francesca Labisi, di 33, tutte e due poste ai domiciliari così come Consiglio e Cardì, collaboratori di Labisi.
Il presidente dei Gip ha respinto la richiesta ritenendo che "nulla è cambiato rispetto al momento della emissione della misura cautelare" e che "non sussistono i presupposti per a revoca della misura cautelare, né tantomeno per un'attenuazione della stessa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi