SIRACUSA

Ventenne uccisa, Cugno non risponde al Gip

Secondo quanto ricostruito dai militari dell'Arma sabato sera, al culmine dell'ennesimo litigio, avrebbe accoltellato la compagna e poi avrebbe tentato di nascondere il corpo in un pozzo artesiano nelle campagne tra Noto e Canicattini Bagni

Ventenne uccisa, Cugno non risponde al Gip

Ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere Paolo Cugno, l'operaio di Canicattini Bagni che ha confessato l'omicidio della sua compagna Laura Petrolito, 20 anni. Cugno, posto in stato di fermo dai carabinieri domenica sera con l'accusa di omicidio, si trova rinchiuso nel carcere di contrada Cavadonna. E all'interno del penitenziario si è recato il Gip del Tribunale di Siracusa, Andrea Migneco, che ha convalidato il fermo e confermato la misura cautelare. Cugno, che oggi compie 27 anni, è assistito dall'avvocato Giambattista Rizza. Secondo quanto ricostruito dai militari dell'Arma sabato sera, al culmine dell'ennesimo litigio, avrebbe accoltellato la compagna e poi avrebbe tentato di nascondere il corpo in un pozzo artesiano nelle campagne tra Noto e Canicattini Bagni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Il Messina sogna il ripescaggio

Il Messina sogna il ripescaggio

di Antonio Sangiorgi