Mafia

Azzerato il clan Santangelo di Adrano

Alleato della famiglia catanese di Cosa nostra Santapaola-Ercolano

Su delega della Procura Distrettuale antimafia di Catania, la Polizia di Stato ha eseguito un'ordinanza cautelare nei confronti di 33 persone ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, traffico di sostanze stupefacenti, estorsione, rapina, furto con l'aggravante di commesso il fatto in nome e per conto del clan Santangelo "Taccuni" e al fine di agevolarne le attività illecite. La indagini della Squadra Mobile di Catania e dal Commissariato della polizia di Stati di Adrano hanno consentito di delineare l'organigramma, decapitare i vertici e disarticolare i ranghi della cosca Santangelo di Adrano, alleata della famiglia catanese di Cosa nostra Santapaola-Ercolano. Accertato anche che il clan, dopo anni di contrapposizione, ha raggiunto un accordo con la cosca rivale degli Scalisi per la gestione di affari illeciti ad Adrano e la spartizione dei proventi del racket del 'pizzo'. Nella misura cautelare agli affiliati del clan Santangelo sono contestati episodi estorsivi, un vasto traffico di stupefacenti, nonché una rapina in abitazione ed un furto di un bancomat di un istituto di credito con l'utilizzo di escavatore. I particolari dell'operazione saranno resi noti dal procuratore Carmelo Zuccaro durante un incontro con i giornalisti che si terrà alle 10.30 nella sala stampa della Procura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi