Ragusa

In cella banda di romeni

Il gruppo ha portato a termine decine di furti in appartamenti in mezza provincia. Davanti al gip hanno ammesso le loro responsabilità, spiegando che spedivano tutto in Romania

In cella banda di romeni

Ragusa - Restano in carcere di due romeni arrestati dagli agenti della squadra mobile di Ragusa con l'accusa di furto e ricettazione, Si tratta di Vasile Calin, inteso "Romica", 39 anni, e Ioan Botezatu, inteso "Moldo", 28 anni, entrambi residenti a Vittoria. La banda di romeni ha messo a segno decine di furti in appartamenti, riuscendo sempre a evitare l'arresto. Le ultime azioni, però, sono state determinanti: gli agenti della Mobili li hanno individuati e bloccati. Nella loro residenza decine e decine di oggetti provento di furto.

L'arresto dei due è stato accelerato dal pm Santo Fornasier, che, considerato l’imminente pericolo di fuga dei due rumeni, aveva disposto il fermo così da non disperdere il lavoro svolto dagli investigatori e poter assicurare alla giustizia italiana i criminali. Lo stesso pm aveva autorizzato intercettazioni audio e video del gruppo criminale composto anche da due donne, attività che aveva permesso alla Squadra Mobile di raccogliere fondamentali fonti di prova.

Davanti al gip ed al Pm Fornasier i due rumeni hanno ammesso ogni addebito descrivendo quanto già raccolto dalla Polizia di Stato. Il gruppo, secondo quanto riferito durante l’interrogatorio, aveva il seguente modus operandi: rubare ogni oggetto nelle abitazioni prese di mira e poi rivendere gli oggetti a connazionali residenti in provincia o spedire il tutto in Romania.

Al termine dell’interrogatorio, il Giudice ha disposto il mantenimento della custodia cautelare in carcere stante la pericolosità dei due e la probabile fuga prima della condanna. Già durante le indagini, i due romeni avevano pianificato di fuggire all’estero per continuare le attività illecite in Inghilterra o Germania.

Gli oggetti recuperati e non ancora restituiti si trovano ancora negli uffici della Questura di Ragusa, dove è possibile recarsi, previo appuntamento, per poterli visionare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Il Messina sogna il ripescaggio

Il Messina sogna il ripescaggio

di Antonio Sangiorgi