Ragusa

Dipendenti dell'ex Provincia sul tetto

Protestano i lavoratori del Libero consorzio per la decisione della Regione di assegnare appena un milione di euro all'ente quando la necessità è di almeno sette. Consegnati i certificati elettorali al prefetto

Dipendenti dell'ex Provincia sul tetto

RAGUSA - Hanno consegnato i certificati elettorali al prefetto e sono saliti sul tetto di palazzo di viale del Fante (sede dell'ex Provincia regionale) per protesta. Ad animare la manifestazione sono stati circa 30 dipendenti. Il malumore scaturisce dalla decisione della giunta regionale, che, nel ripartire 21 milioni e mezzo di euro, ha assegnato appena un milione all'ente di viale del Fante avvicinando l'ente al dissesto, che comporterà  il blocco degli stipendi dei dipendenti e dei servizi. Il riparto della giunta ha privilegiato solo l'ex Provincia di Siracusa, per la quale sono stati stanziati 8 milioni 300 mila euro, penalizzando soprattutto Ragusa che ha avuto appena un milione di euro, a fronte di un'esigenza di 7 milioni di euro.

I dipendenti, riuniti in assemblea spontanea, hanno deciso di consegnare i certificati elettorali al prefetto proprio per rimarcare l'ingiusta ripartizione decisa dal governo regionale che penalizza un ente virtuoso che ha fatto spending review e che si trova in dissesto strutturale anche per il prelievo forzoso dello Stato che quest'anno è stato di 18 milioni e mezzo di euro.

«La ripartizione delle risorse per i liberi consorzi di comuni, stabilita dalla giunta regionale, rischia di pregiudicare il futuro di quello ibleo, fortemente penalizzato dall'esiguità dei trasferimenti»: lo dichiara il deputato regionale del Partito Democratico Nello Dipasquale, che ha inviato una lettera per chiedere aiuto al presidente della Regione Rosario Crocetta e protestare nei confronti di Alessandro Baccei e Luisa Lantieri, assessori rispettivamente al bilancio e alle autonomie locali. Crocetta ha già risposto a Dipasquale informandolo che si procederà presto ad un incontro tra il commissario del Libero consorzio di Ragusa Dario Cartabellotta, i vertici dell'ente e lo stesso Dipasquale.

Durissime le prese di posizione a Ragusa dopo che la decisione della giunta regionale è divenuta di pubblico dominio. Il Pd ha subito preso le distanze dal presidente della Regione, mentre la parlamentare regionale del Movimento 5 Stelle Vanessa Ferreri ha manifestato ampia solidarietà ai dipendenti, puntando l'indice contro un governo regionale che, con le sue scelte, «continua a penalizzare il nostro territorio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi