Catania

Mafia, scacco al gruppo di Belpasso

Eseguite 15 ordinanze, c'è anche boss 'spazzino'. Aldo Navarria faceva sparire cadaveri, era libero dopo 26 anni carcere

I Carabinieri di Catania hanno eseguito un'ordinanza cautelare del gip nei confronti di 15 indagati accusati di fare parte del 'gruppo di Belpasso' del clan Santapaola-Ercolano. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono associazione mafiosa, spaccio di droga, estorsione, rapina, sequestro di persona, danneggiamento seguito da incendio e riciclaggio con l'aggravante del metodo mafioso. Le indagini, coordinate dalla Dda della Procura di Catania, hanno consentito di ricostruire l'organigramma del clan, l'ingente volume di affari del gruppo con la vendita di cocaina e marijuana, estorsioni a imprenditori locali e rapine nei confronti di autotrasportatori. A capo del gruppo ci sarebbe il boss Carmelo Aldo Navarria, scarcerato e rimesso in libertà nel 2014 dopo 26 anni di reclusione per sei omicidi. Negli anni Ottanta era considerato lo 'spazzino' della cosca, perché faceva sparire i cadaveri, per conto del clan del Malpassotu, che era il braccio armato del capomafia Nitto Santapaola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi