Catania

Migrante partorisce, "rapito un gemello"

Indagini nel Catanese, donna ospite nel Cara di Mineo

Migrante partorisce, "rapito un gemello"

La Procura di Caltagirone ha aperto un'inchiesta sulla denuncia di una migrante nigeriana di 25 anni ospite del Cara di Mineo che il 9 dicembre ha partorito una bambina, sostenendo di essere in attesa di due gemelli. "Stiamo svolgendo gli accertamenti del caso - afferma il procuratore Giuseppe Verzera - aspettiamo l'esito di esami e perizie per verificare cosa sia veramente accaduto". La migrante sostiene di avere eseguito, dopo essere sbarcata in Sicilia, un'ecografia nell'ospedale Santo Bambino di Catania nella quale si vedevano due feti. La donna, che parla solo inglese, sottoposta a intervento parto cesario ha visto sua figlia solo quatto giorni dopo il parto. Dall'ospedale di Caltagirone si sostiene che l'ecografia evidenziava la presenza di un solo feto. La donna, arrivata dalla Libia dove sarebbe rimasta incinta mentre era in attesa di imbarcarsi, è assistita psicologicamente e legalmente dal Cara di Mineo. Sequestrate cartelle cliniche negli ospedali di Catania e Caltagirone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Il Messina sogna il ripescaggio

Il Messina sogna il ripescaggio

di Antonio Sangiorgi

Troppi abusivi sulla riviera

Troppi abusivi sulla riviera

di Francesco Triolo