DROGA

Operazione nel Ragusano,
scoperto clan italo-albanese

Smantellata dalla Polizia un'organizzazione accusata di essere dedita al traffico internazionale di stupefacenti

Operazione nel Ragusano, scoperto clan italo-albanese

Oltre 150 uomini sono impegnati in una imponente operazione antidroga della Polizia di Stato a Modica, in provincia di Ragusa, nei confronti di una presunta organizzazione accusata di essere dedita al traffico internazionale di stupefacenti. Complessivamente sono 17 i destinatari della misura cautelare in carcere disposta dalla Procura Distrettuale Antimafia di Catania a seguito delle indagini condotte dal Commissariato di Modica e dalla Squadra Mobile di Ragusa; altri 17 sono sottoposti a perquisizione. Secondo gli investigatori i componenti del clan, formato da italiani, albanesi e tunisini avevano stretto un legame criminale per il controllo dello spaccio di droga, proveniente dall'Albania, in provincia di Ragusa. Uno degli indagati è stato arrestato a Marino, in provincia di Roma, dov'era andato a rifugiarsi, temendo di essere arrestato. Trattandosi di un soggetto estremamente pericoloso, gli agenti del commissariato di Marino sono intervenuti in gran numero ed hanno fatto irruzione nella casa in cui viveva, senza dargli il tempo di abbozzare una reazione. Si tratta di un albanese. Nel corso della perquisizione della casa, i poliziotti hanno trovato una pistola revolver, pronta a far fuoco e con decine di munizioni a disposizione. Attraverso la banca dati delle armi da sparoè stato possibile appurare che l’arma era di provenienza furtiva. L'albanese è stato, quindi, arresto in flagranza di reato per la detenzione di arma illegale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi