Ispica

Ladri smascherati dalle telecamere dei supermercati

Si tratta di cinque catanesi che, tra marzo e maggio aveva "visitato" alcuni supermercati di Ispica e Pozzallo, rubando una discreta quantità di merce. Sono stati identificati grazie alle immagini di videosorveglianza interne. Il gip ha imposto loro l'obbligo di dimora a Catania

Ladri smascherati dalle telecamere dei supermercati

Ispica - Ci sono voluti otto mesi, ma alla fine i carabinieri hanno identificato gli autori dei numerosi furti messi a segno, tra marzo e maggio, in diversi supermarket di Ispica e Pozzallo. Si tratta di catanesi (quattro donne e un uomo) che arrivavano, colpivano e facevano perdere le proprie tracce. Ai cinque, i carabinieri hanno notificato l'ordine di custodia cautelare in carcere firmato dal gip di Ragusa Claudio Maggioni. Sono accusati di furto aggravato in concorso.

In particolare, il gruppo, in trasferta da Catania, individuava l’obiettivo da colpire e entrava in azione nei supermercati prescelti per raggiungere gli espositori della merce da cui prelevavano quanta più merce possibile, occultandola in alcune borse. Il modus operandi prevedeva, ogni volta, che uno o due elementi del gruppo si posizionassero all’inizio delle corsie in modo da controllare l’eventuale arrivo di altri clienti e dipendenti del supermercato. Una volta riempite le borse, la banda si dirigeva alle casse, ove, per evitare il controllo, ognuno presentava con un prodotto da pagare in modo da giustificare la presenza e destare meno sospetto nella cassiera, per poi allontanarsi liberamente con la merce nascosta nelle borse.

Dopo aver ricevuto diverse denunce, i militari dell’Arma hanno avviato un’intensa attività d’indagine, scorrendo le immagini dell'impianto di sicurezza interno fotogramma per fotogramma. Questo ha consentito di appurare le modalità dei furti e avere immagini nitide degli autori. A questo punto, i Carabinieri hanno confrontato le riprese con immagini di furti avvenuti con le stesse modalità nelle zone limitrofe e sono riusciti a risalire all’identità della banda.

Sulla base degli elementi di prova forniti dai Carabinieri, il gip di Ragusa ha ritenuto opportuno emettere l’ordinanza di misura cautelare nei confronti dei responsabili dei furti anche in considerazione del concreto ed attuale pericolo di reiterazione di reati. I Carabinieri hanno rintracciato i cinque componenti della banda che sono stati sottoposti alla misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di Catania, con l’ulteriore prescrizione di non allontanarsi dalle loro abitazioni dalle ore 20 alle ore 08 di ogni giorno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto