Ragusa

Arrestato richiedente asilo, spacciava nella villa

E' un diciottenne del Gambia. Gli agenti della squadra mobile ne hanno osservato le mosse e lo hanno bloccato dopo la cessione di una dose. In tasca ne aveva altre otto. E' stato sospeso dal beneficio

Arrestato richiedente asilo, spacciava nella villa

Ragusa - Era un richiedente asilo politico perché era arrivato dal Gambia. Ma la sicurezza della protezione non gli bastava. Si è dato allo spaccio di droga, scegliendo villa Margherita come campo d'azione. Al Fusaney Kijera, 18 anni, ospitato in una comunità del capoluogo ibleo, adesso rischia di essere riportato in patria. Intanto, è stato allontanato dal sistema di protezione.

Gli agenti della squadra mobile lo hanno individuato grazie agli elementi raccolti durante le verifiche nell'area della villa, dove, sempre più spesso, operano spacciatori di droga. Ad aver attirato l'attenzione dei poliziotti il fatto che molti ragazzi si avvicinavano al gambiano, ma si fermavano a parlare con lui solo per pochi secondi. E' stato deciso, quindi, di attivare un posto di osservazione e verificare dal vivo cosa stesse accadendo. E' così è stato notato il gambiano proprio mentre cedeva una stecchetta di hashish. A quel punto gli agenti sono subito intervenuti, bloccando immigrato e acquirente. Addosso al diciottenne sono state trovate altre otto stecchette di hascisc. E' stato, quindi, condotto in Questura ed arrestato per detenzione ai fini dello spaccio. Successivamente, su disposizione della Procura, è stato riportato nella comunità in stato di arresto.

Adesso Il giovane spacciatore verrà allontanato dalla struttura di protezione ed il programma di accoglienza sarà interrotto. L'acquirente, invece, è stato segnalato alla Prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi