Ragusa

Scoperta coltivazione di canapa indiana

I carabinieri hanno sorpreso nel podere un ragazzo. Il padre, 52 anni, si è assunto la responsabilità della piantagione. Sequestrata marijuana per un chilo. L'uomo ammesso ai domiciliari

Scoperta coltivazione di canapa indiana

Ragusa - Quando sono arrivati i carabinieri è rimasto sorpreso. E il suo atteggiamento non ha fatto altro che rafforzare i sospetti dei militari. E' così scattata la perquisizione di un podere a San Giacomo Bellocozzo (frazione rurale di Ragusa), che ha portato alla scoperta di un chilo e mezzo di marijuana già essiccata e pronta per essere immessa nel mercato e cinquanta semi di cannabis ancora da utilizzare.

Al momento dell'arrivo, i carabinieri di Ragusa Ibla hanno trovato sul luogo un ragazzo, figlio del titolare dell'azienda agricola su cui, da tempo, si erano appuntati i sospetti per una serie di strani movimenti. Ed è stato proprio il giovane a mostrarsi sorpreso dall'arrivo dei militari. Poi, la sorpresa è toccata ai militari: è accaduto quando sono entrati nel casolare ed hanno trovato marijuana ovunque, persino nei contenitori del latte. Oltre allo stupefacente, già pronto ad essere venduto, i militari hanno trovato cinquanta semi di canapa indiana che sarebbero serviti per le nuove colture, un bilancino di precisione e bustine di cellophane per il confezionamento delle dosi.

Inevitabile, a quel punto, il fermo del ragazzo. Il padre, 52 anni, ragusano, bracciante agricolo, si è accollato le responsabilità per tutta l’attività di coltivazione e detenzione dello stupefacente, giustificandola con l’esser stato allettato dai guadagni facili. Per lui il pm ha disposto gli arresti domiciliari. Lo stupefacente ed il materiale per il confezionamento in dosi sono stati sequestrati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi