Pozzallo

Un ammalato di tubercolosi tra i migranti

Sbarco clandestini Pozzallo

Pozzallo - Nello sbarco di giovedì scorso, tristemente noto per i 29 cadaveri di uomini e donne arrivati insieme ai migranti, c'era anche un uomo affetto da tubercolosi attiva, immediatamente trasportato prima all'ospedale di Modica e poi in quello di Ragusa in isolamento, dove viene curato. Domenica scorsa, tra i 133 migranti arrivati con la motonave Dignity al porto, c'erano anche due fratelli libici, uno dei due affetto da una grave patologia. I due uomini sono stati salvati da una motovedetta libica mentre si trovavano in alto mare su una piccolissima e precaria imbarcazione in balia delle onde. Una volta trasportati sulla motonave, insieme agli altri migranti recuperati su un gommone, sono stati trasferiti a Pozzallo. L'uomo affetto dal brutto male si trova tutt'ora ricoverato nel reparto di oncologia dell'ospedale di Ragusa Ibla.

Intanto sono stati distribuiti in otto dei dodici comuni iblei i 29 cadaveri, tra cui quelli di dieci uomini, un minorenne e 18 donne, tre delle quali incinte, arrivati nel porto di Pozzallo. Una decina sono stati ospitati a Ragusa, tra cimiteri e obitorio dell'ospedale, gli altri negli altri comuni iblei con la sola eccezione dei paesi montani e di Pozzallo che ha da tempo le celle frigorifere occupate dai tanti cadaveri sbarcati nel porto. La magistratura ha disposto l'ispezione cadaverica per tutti mentre le autopsie in programma sono cinque.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi