siracusa

Anziano picchiato e ustionato, è in prognosi riservata

Preso di mira da alcuni bulli, aveva denunciato tutto. Indaga la Procura.

polizia

Due tentativi andati a vuoto nel giro di 48 ore, il terzo, subito dopo, invece è andato in porto: Giuseppe Scarso, conosciuto come don Pippo, 80 anni, preso di mira da un gruppo di bulli criminali che gli hanno gettato addosso liquido infiammabile, è ricoverato in prognosi riservata nell'ospedale Cannizzaro di Catania per ustioni su tutto il corpo. Lo si è appreso dagli inquirenti. Il primo tentativo risale al 28 settembre scorso: qualcuno è riuscito ad aprire la porta dell'abitazione dell'uomo, al pianterreno in via Servi di Maria, gettando liquido infiammabile e dando fuoco al pavimento, l'anziano però era riuscito a spegnere le fiamme. Il giorno dopo la vittima, insieme al fratello, aveva denunciato l'episodio ai carabinieri. Ma il giorno successivo, poco prima della mezzanotte, tre persone incappucciate sono entrate nuovamente nell'appartamento, gettando liquido infiammabile sul petto e sull'orecchio dell'anziano, che se l'era cavata con lievi ustioni. Sabato notte, poco prima delle 2, l'azione brutale si è ripetuta: ad agire sarebbero stati in due, almeno così testimoniano le riprese delle telecamere della zona, di un vicino e di un esercizio commerciale. Hanno utilizzato una bottiglietta di alcol che poi hanno gettato sotto un auto prima di fuggire. Questa volta hanno centrato l'obiettivo, colpendo l'anziano sul viso, sulla testa, sulla spalla. Don Pippo ha chiesto aiuto a un vicino, che ha avvertito il 118 e la polizia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi