Pozzallo

Arrestati con 50 chili di droga

Padre e figlia stavano imbarcandosi sul catamarano per Malta. Nel bagagliaio dell'auto avevano venti chili di hascisc e trenta di marijuana. L'uomo è stato portato in carcere mentre la donna è stata ammessa ai domiciliari

Arrestati con 50 chili di droga

Pozzallo - A tradirli è stato il nervosismo mostrato durante i rituali controlli nel porto di Pozzallo prima dell'imbarco sul catamarano per Malta. Carabinieri e Guardia di Finanza si sono subito insospettiti e, alla fine, hanno portato a termine uno dei più grossi sequestri di droga mai effettuati all'interno della struttura portuale. In totale sono stati trovati cinquanta chili di droga: venti di hascisc e trenta di marijuana. In manette sono finiti il catanese Nicola Musumesi, 46 anni, e la figlia Giusi, 20. L'uomo è stato condotto nel carcere di Ragusa mentre la donna è stata ammessa ai domiciliari, dovendo accudire il figlio di tre anni.

Proprio il bambino era a bordo dell'autovettura con cui padre e figlia cercavano d'imbarcarsi sul catamarano diretto a Malta. L'avevano portato con loro, probabilmente, per evitare di destare sospetti. Ma il loro nervosismo ha fatto suonare il campanello d'allarme in carabinieri e finanzieri. I militari hanno voluto controllare la macchina. E nel portabagagli hanno trovato un grosso borsone con all’interno venti chili di hashish, suddivisi in 38 panetti, e circa trenta chili di marijuana, suddivisa in 30 imballaggi in cellophane. Per entrambi è subito scattato l'arresto per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio in concorso. La droga è stata sequestrata e inviata al laboratorio analisi dell'Asp per valutarne qualità e principi attivi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi