Scicli

Aggrediscono i carabinieri, arrestati due tunisini

Erano stati fermati perché viaggiavano su uno scooter senza casco e senza assicurazione. Al momento del sequestro del mezzo hanno minacciato i militari passando poi alle vie di fatto

Aggrediscono i carabinieri, arrestati due tunisini

Scicli - I carabinieri di Modica, nel corso di un servizio di controllo, hanno arrestato due soggetti tunisini, Mokhtar Zroud, 25 anni, e Mohamed Ismail, 23, per resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale. I militari dell’Arma, nel transitare lungo una strada di Donnalucata, hanno notato un ciclomotore con a bordo due persone prive del casco di protezione. E' subito scattato il controllo, che ha fatto emergere che i due, oltre a circolare senza casco, erano sprovvisti della prevista patente poiché mai conseguita ed inoltre il ciclomotore non era coperto da assicurazione.

A quel punto è stata avviata la procedura per contravvenzionare i due tunisini e procedere al sequestro del mezzo. Gli stranieri sono andati in escandescenza ed hanno iniziato ad aggredire verbalmente i militari, minacciandoli anche di morte se avessero proceduto al sequestro del ciclomotore. Ad un certo punto, vedendo che i militari stavano proseguendo con le operazioni di sequestro, i due extracomunitari hanno iniziato a spintonarli con violenza, colpendo al petto uno di essi, nel tentativo di opporsi e sottrarsi al sequestro.

A quel punto, l'equipaggio ha richiesto l'intervento di un’altra pattuglia ed insieme ai colleghi sono riusciti a bloccare i due stranieri. A seguito dell’aggressione, uno dei militari ha riportato lievi lesioni giudicate guaribili in cinque giorni dal Pronto Soccorso dell’Ospedale di Modica. I tunisini sono stati condotti in caserma e dichiarati in arresto. Entrambi sono stati sottoposti agli arresti domiciliari come disposto dal sostituto procuratore Marco Rota.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi