Ragusa

Morte sospetta, indagati quattro medici

Lavorano all'ospedale "Maria Paternò Arezzo": dimisero un paziente che doveva essere sottoposto a coronografia, rimandandolo all'ospedale di Modica. L'uomo morì il giorno dopo

Ospedale Maria Paternò Arezzo Ragusa

Ragusa – Quattro medici dell’ospedale "Maria Paternò Arezzo" di Ragusa sono stati indagati per la morte di Luigi Annino, 65 anni, originario di Roma ma residente a Cologno Monzese, che aveva deciso di trasferirsi a Modica, città di origine della moglie. La procura ha intanto disposto l’autopsia. I quattro medici sono indagati per omicidio colposo. Annino, alcuni giorni prima della morte, aveva subito un delicatissimo intervento chirurgico a Catania. Per sei giorni era stato poi ricoverato all’ospedale "Maggiore" di Modica in quanto, dopo essere stato dimesso dal nosocomio etneo, aveva accusato un malore. L’uomo era stato successivamente trasferito da Modica a Ragusa per essere sottoposto a coronografia.

Secondo quanto fanno rilevare dall’ospedale ragusano, l’uomo avrebbe preferito rinviare l’accertamento clinico in quanto ancora sofferente per l’intervento subito a Catania, per cui era stato stato dimesso in attesa che le sue condizioni migliorassero per sottoporsi all’esame clinico. Tornato a casa, la mattina successiva Annino era stato colto da infarto. Inutile l’intervento del 118.

I familiari avevano denunciato il caso alla Procura, facendo affiggere al contempo un singolare manifesto funebre con il messaggio «La famiglia Annino comunica che, per motivi indipendenti dalla propria volontà, i funerali del caro congiunto saranno celebrati a data da destinarsi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto