Acate

Non rispetta i domiciliari, arrestato

I carabinieri hanno intercettato l'acatese Mario Procida per le vie del centro cittadino. Accusato di evasione, è stato ricondotto nella sua abitazione

Carabinieri Acate

Acate - I carabinieri lo hanno riconosciuto subito. Mario Procida, 29 anni, acatese, si sarebbe dovuto trovare nella propria abitazione in stato di arresto ed invece camminava tranquillamente per una via del centro cittadino di Acate. I militari lo avevano arrestato nel novembre 2015 nell'ambito dell'operazione "Predator", che aveva consentito di porre fine all'attività di una banda dedita ai furti negli istituti scolastici e nei cantieri edili. Alla vista dei carabinieri, Procida ha cercato di nascondersi tra i cespugli di un’abitazione, ma, vistosi riconosciuto, ha cercato di fuggire: dopo un breve inseguimento, i Carabinieri, supportati anche da altre pattuglie nel frattempo sopraggiunte, gli hanno impedito qualsiasi via di fuga, bloccandolo.

Considerata l’assenza dal domicilio e il mancato rispetto delle prescrizioni della misura alternativa alla detenzione carceraria, il 29enne è stato sottoposto nuovamente al regime degli arresti domiciliari, su disposizione del sostituto procuratore della Repubblica Valentina Botti. Dovrà adesso rispondere di evasione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi