Pozzallo

Marinaio cade in mare: trovato morto

La sua scomparsa era stata denunciata dal comandante di un mercantile. L'ultima volta era stato visto a mezzanotte mentre pescava. Si tratta di un siriano di 24 anni che, a bordo, lavorava come cameriere. Il suo corpo è stato ritrovato nello specchio di mare antistante il porto di Pozzallo. Disposta l'autopsia.

Motovedetta Carabinieri Pozzallo

POZZALLO – Avvenuta quattro giorni fa, è stata resa nota solo in queste ore la drammatica fine del cameriere membro dell’equipaggio di una nave mercantile. Lo stesso comandante aveva riferito ai carabinieri della scomparsa del 29enne Alaa Saede, siriano, il quale non si era presentato alla sveglia del mattino. L’uomo non era neppure nella sua stanza. La motonave era giunta a Pozzallo la sera del 12 aprile ed era rimasta in rada dinanzi al porto in attesa dell’approdo in banchina previsto per la mattina successiva. Dalle dichiarazioni dell’equipaggio, il giovane scomparso era stato visto l’ultima volta il 13 aprile, dopo la mezzanotte, mentre pescava a poppa della motonave. Nel frattempo una vedetta della capitaneria di porto ha individuato in mare il cadavere galleggiante dello scomparso, che veniva quindi recuperato e trasportato in banchina. Da una prima ispezione cadaverica il medico legale non ha rilevato segni di violenza e di lesione sul corpo del malcapitato. Dalla ricostruzione effettuata da carabinieri e capitaneria di porto di Pozzallo, il 29enne potrebbe essere caduto in mare, oppure potrebbe essersi lanciato deliberatamente dal ponte della motonave per motivi da accertare. E’ stata dunque disposta l’autopsia che chiarirà con precisione le cause del decesso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto