Pozzallo

Fermati cinque scafisti
dopo sbarco di migranti

Avrebbbero guidato i gommoni sui quali viaggiavano i 730 disperati giunti martedì in porto

Fermati cinque scafisti dopo sbarco di migranti

La Procura di Ragusa ha disposto il fermo di cinque presunti scafisti, tre dei quali minorenni, che sarebbero stati alla guida dei gommoni sui quali vi erano, complessivamente, i 730 migranti sbarcati ieri nel porto di Pozzallo dalla nave della marina militare norvegese Siem Pilot che li aveva soccorsi il giorno di Pasqua nel Canale di Sicilia. Il provvedimento è stato eseguito da polizia di Stato, squadra mobile della Questura, carabinieri e guardia di finanza. Intanto proseguono gli sbarchi in Sicilia. Alle 10.30 nel porto commerciale di Augusta è arrivata la nave Aliseo, della marina militare italiana, con a bordo 796 migranti salvati in più operazioni di soccorso eseguite da imbarcazioni impegnate nell'operazione Mare sicuro nel Mediterraneo.

I fermati, ritenuti alla guida di quattro dei sei gommoni soccorsi, sono Malang Ceesay, di 20 anni, originario della Guinea Bissau, un gambiano anch'egli ventenne, Jarjv Musa, e tre senegalesi di 17 anni, B.S., M.C. e MS. La nave norvegese "Siem Pilot" ha sbarcato migranti soccorsi domenica scorsa dalla nave "Dattilo" e "U. Diciotti" in sei distinte operazioni. Gli extracomunitari, provenienti da diversi Paesi dell'Africa Centrale, sono stati dapprima ospitati nell'hot spot di Pozzallo per essere visitati ed identificati. Le indagini proseguono per identificare gli scafisti degli altri due gommoni. Salgono a 43 gli scafisti, tra cui 14 minorenni, fermati nel 2016. Nel 2016 nell'hot spot di Pozzallo hanno già fatto ingresso 4.003 migranti di 11 sbarchi. (AA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi