Ispica

Rubava nelle case in cui lavorava, arrestata una 33enne

I carabinieri hanno smascherato l'insospettabile domestica dopo aver passato al setaccio i diversi furti che erano stati denunciati: aveva rubato oro, gioielli e denaro. Accertato che gli oggetti d'oro erano stati venduti a "compro oro" della zona

Rubava nelle case in cui lavorava, arrestata una 33enne

Ragusa - I furti stavano ripetendosi con eccessiva frequenza e tutti avevano un denominatore comune: non c'erano segni di effrazione. I carabinieri della stazione hanno così avviato le indagini, accertando, alla fine della serie di accertamenti, che a compiere i furti era la domestica, Patrizia Zocco, 33 anni, insospettabile ispicese, che prestava servizio in ognuna delle abitazioni. Inoltre, i militari hanno appurato che era stata la stessa donna a vendere in diversi "compro oro" della zona gli oggetti d'oro ed i preziosi che erano stati segnalati come rubati. Al termine, alla Zocco è stato notificato l'ordine di custodia cautelare ai domiciliari firmato dal gip del tribunale di Ragusa.

Le indagini dei Carabinieri di Ispica sono iniziate a settembre 2015, a seguito di una denuncia di furto di preziosi da un’abitazione. All’atto del sopralluogo, i militari dell’Arma non avevano riscontrato alcun segno di effrazione a porte e finestre. Nelle settimane successive, i Carabinieri hanno ricevuto ulteriori denunce di furto, che indicavano le stesse modalità esecutive del primo episodio. Pertanto, gli uomini dell’Arma hanno svolto alcuni accertamenti, mettendo a confronto i diversi episodi. Da una prima analisi, è emerso un primo sospetto nei confronti della domestica che in quel periodo lavorava proprio in queste abitazioni. Sono stati eseguiti controlli approfonditi nei negozi “compro oro” e questo ha consentito di scoprire che l’insospettabile domestica, in più occasioni, aveva venduto preziosi di vario genere, risultati corrispondenti agli oggetti rubati.

A conclusione delle indagini, i Carabinieri hanno ricostruito che la donna, mentre svolgeva lavori di pulizia nelle varie abitazioni, approfittando dei momenti in cui rimaneva da sola, trafugava i preziosi che trovava e, successivamente, li rivendeva ai “compro oro”. Al momento sono cinque gli episodi accertati, ma i Carabinieri stanno svolgendo ulteriori accertamenti per verificare se ce ne siano stati altri non ancora denunciati.

La donna è stata, quindi, sottoposta agli arresti domiciliari come previsto dall’ordinanza di custodia cautelare e dovrà rispondere di furto in abitazione continuato ed aggravato dal fatto di aver abusato della relazione domestica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi