Ragusa

Tenta un furto in chiesa, denunciato

L'uomo, un 38enne, non è riuscito nel suo intento perché la vetrata antisfondamento ha retto ai suoi colpi sferrati con un posacenere di ferro e un grossa pietra. Il sangue lasciato sul vetro ha consentito di individuarlo

Tenta un furto in chiesa, denunciato

La vetrata della canonica danneggiata nel tentativo di furto

Ragusa - Un trentottenne ragusano è stato denunciato dai carabinieri per tentato furto in una chiesa del capoluogo. L'uomo aveva tentato di entrate nel luogo di culto, colpendo la vetrata con un posacenere di ferro e una grossa pietra. Il vetro antisfondamento, però, aveva retto e l'uomo era stato costretto ad abbandonare. Durante il tentativo di far saltare la vetrata, si era anche ferito ad una mano, lasciato sul vetro un bel po' di sangue.

L'allarme è scattato di mattina presto, quando un parrocchiano, giunto in chiesa, si è accorto del tentativo di effrazione, chiedendo l'intervento dei carabinieri. I militari hanno accertato che sia la porta della chiesa che quelli della canonica presentavano evidenti segni di effrazione. Sono stati effettuati i rilievi tecnici sia sul sangue che sulle maniglie. E proprio su una di queste è stata trovata un'evidente impronta digitale. A quel punto c'è voluto poco per identificare l'autore del tentativo di furto. I carabinieri sono andati dritti a casa, trovandolo con una mano fasciata. Messo davanti all’evidenza dei fatti, M.R., 38enne, ragusano, ha ammesso tutto. È stato denunciato per tentato furto aggravato.

Ora il parroco, che peraltro era pure fuori sede ed è dovuto urgentemente rientrare, si ritrova con un bel danno da riparare, anche se almeno ha scampato un danno molto più grosso che sarebbe stato il furto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto