Comiso

Voleva imbarcarsi con un tirapugni, denunciato

Il metal detector dell'aeroporto ha permesso di scoprire la presenza dell'oggetto. Lo portava nel bagaglio a mano un giovane gelese in partenza per Londra. L'"arma" è stata sequestrata.

Polizia aeroporto Comiso

COMISO - Aveva nascosto il tirapugni in una tasca del bagaglio a mano, convinto che sarebbe riuscito a sfuggire ai controlli, Ma all'aeroporto di Comiso l'allerta è sempre alta. Così, il personale ha subito scoperto la presenza dell'oggetto vietato quando questo è passato attraverso il metal detector. L'"arma" era stata occultata in una tasca interna di un pantalone sistemato all'interno del borsone. A provare a portarlo con sé, un giovane gelese di 21 anni, che era diretto a Londra. La polizia di frontiera l'ha subito bloccato e condotto negli uffici. Il gelese non ha voluto rivelare il motivo per cui stava provando a portare a Londra il tirapugni. I poliziotti hanno sequestrato l'oggetto e denunciato il giovane. Solo dopo questo adempimento, è stato riaccompagnato al gate di imbarco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi