Blitz a Catania

Il ruolo centrale
di tre donne

Gestivano le attività della "famiglia", come la cassa comune per gli affiliati detenuti. E' emerso nell'inchiesta dei carabinieri che ha stroncato il clan Laudani

Carcere

Le indagini dei carabinieri di Catania nel maxiblitz contro la cosca Laudani hanno evidenziato il ruolo centrale ricoperto da tre donne nel clan. Arrestate nell'ambito dell'operazione 'Viceré', secondo l'accusa, si sono dimostrate in grado di dirigere le attività criminali della cosca seguendo le direttive impartite dai vertici della 'famiglia'. Inoltre si sarebbero occupate anche della gestione della 'cassa comune' e del sostentamento economico delle famiglie degli affiliati detenuti. (AA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi